Catalogato | Speciali

Amare l’Italia.Votare Italiano

Amare l’Italia.Votare Italiano

10313637_10152405553382645_1275028173345365887_nPoche ore, quelle decisive, quelle che restano. Fino alle 23 di domenica. Quando si chiuderanno i seggi e il destino di questa sfida folle e coraggiosa si sarà compiuto, senza che nessuno di noi possa far più nulla per modificarlo.Ma fino ad allora… beh, fino ad allora ci batteremo centimetro per centimetro, inseguendo la speranza di riannodare il filo della storia. Come in Francia, in Ungheria e in tante altre nazioni europee, dove proprio in queste ore, tra le Champs elysees e le rive del Danubio, altri popoli stanno restituendo forza a quei movimenti politici che ne custodiscono lo spirito di libertà e giustizia sociale. E come noi non si arrendono, di fronte al governo di pochi burocrati, scherani di poteri finanziari sempre più cinici e prepotenti.Abbiamo speso tutti noi stessi, in questo anno e in questo mese, perché la destra italiana non scomparisse dalle istituzioni europee, per la prima volta. Perché quella comunità di uomini e di donne avesse ancora la possibilità di puntare gli occhi in faccia al futuro e sfidarlo, senza paura. Per questo abbiamo dato fastidio a qualcuno, certo. Soprattutto a chi ha bisogno della scomparsa di qualunque movimento credibile per giustificare i propri tradimenti. Ma non ci siamo fermati e non ci fermeremo, perchè c’è un lavoro ancora molto lungo e difficile da fare. Altri partiti sparirono perché abbandonati dai propri elettori, non è la storia nostra. Noi, semplicemente, non trovammo più il nostro simbolo sulla scheda elettorale. Certo non è facile rimettere insieme i cocci di una storia così lacerata dalle pulsioni di gente che vive intensamente come noi. Certo ci vorrà del tempo per ricostruire le città ideali in cui abitavamo fino a pochi anni fa. Ma dobbiamo riuscirci per chi c’era prima di noi e per chi allora non era neppure nato. Per chi ne sa poco, per chi ha appena compiuto diciotto anni e voterà per la prima volta. Guardandosi intorno alla ricerca di un movimento politico capace di farlo sentire piccola parte di un grande avventura popolare.Dunque ci siamo. L’ora è scoccata. La destra italiana è di nuovo in cammino. Usciamo di casa e infiammiamo ciò che resta del giorno. La speranza divampa.

GIORGIA MELONI

Lascia una Risposta

Vuoi ricevere gli aggiornamenti?