Catalogato | Speciali

Finalmente gli espropri per cancellare Via Anelli

Finalmente gli espropri per cancellare Via Anelli

Via Anelli contestazione di alcuni musulmani all'associazione Rahma in merito al futuro della Moschea.Fa bene il Sindaco Massimo Bitonci ad imprimere un accelerazione per il definitivo risanamento e riqualificazione di via Anelli ponendo un ultimatum ai proprietari che ancora possiedono un alloggio nonostante le varie offerte effettuate dal Comune nel corso degli anni. Nel 2003, l’allora giunta Destro si era attivata per sostenere la totale bonifica del sito di via Anelli, sottoscrivendo con il sottoscritto,allora Assessore Regionale alla Casa, un  accordo di programma insieme ad Ater e Regione che prevedeva lo stanziamento di 20 milioni: 5 assegnati dalla Regione e 15 messi a disposizione dall’Ater .Il progetto, che sarebbe costato 20 milioni di euro, prevedeva in parte l’abbattimento, in parte il restauro dei condomini fatiscenti per favorire la costruzione di residenze di edilizia popolare e per studenti a prezzi calmierati.L’amministrazione comunale Zanonato ha nel tempo congelato tale accordo, proponendo soltanto palliativi e prolungando l’agonia di un quartiere che va risanato e riqualificato al più presto.Ben vengano gli espropri per attuare un programma integrato di riqualificazione urbanistica, edilizia ed ambientale dell’area di via Anelli che Padova chiede da anni.La zona continua ad essere ancora  in preda al degrado sociale,e non è stata restituita completamente alla legalità, alla sicurezza e ai cittadini di Padova.Per troppo tempo residenti e esercenti hanno subito i danni del degrado ingiustificato frutto delle speculazioni e delle attività illegali di chi ha tutta la convenienza che via Anelli continui ad essere così com’e’ .Se l’obbiettivo è radere al suolo le sei palazzine ed elaborare un piano, insieme con l’Ater e l’Università e privati, per realizzare una innovativa residenza per studente piuttosto che un centro di ricerca oppure alcune aule Fratelli d’Italia sosterrà l’iniziativa dell’Amministrazione.Se invece si progetterà un complesso di edilizia residenziale pubblica,l’importante, per la Destra Politica, che la realizzazione sia completamente diversa dal quello che fu il famigerato complesso denominato Serenissima».   E’ quanto dichiara Raffaele Zanon,portavoce di Fratelli d’Italia Alleanza Nazionale

Lascia una Risposta

Vuoi ricevere gli aggiornamenti?