Catalogato | Speciali

Giorgia Meloni a Padova:mai funzionali a Renzi e alla sinistra

Giorgia Meloni a Padova:mai funzionali a Renzi e alla sinistra

meloni meNon è voluta mancare Giorgia Meloni alla presentazione ufficiale della lista dei candidati della circoscrizione di Padova per Fratelli d’Italia – Alleanza Nazionale.Ad accoglierla il direttivo del partito,i sostenitori e simpatizzanti, e la “squadra padovana” che scenderà in campo alle prossime elezioni regionali. La prima a prendere la parola è stata Marina Buffoni, coordinatrice Fratelli d’Italia – Alleanza Nazionale Veneto che ha ringraziato Giorgia Meloni per l’attenzione che sta dimostrando nei confronti del Veneto. Un ringraziamento che ha esteso anche ai 2500 padovani firmatari del documento per la presentazione della lista. I candidati sono nove. Capolista è Raffaele ZANON, imprenditore che assicura “ce la metteremo tutta per ottenere il miglior risultato possibile. C’è bisogno di una destra che governi sovrana all’interno delle Istituzioni. La nostra campagna elettorale sarà centrata sui temi veri a difesa delle imprese e delle partire iva. In primis il fisco. Le tasse sono troppe e stanno letteralmente schiacciando chi cerca di fare impresa, anche nel settore agricolo. Ci batteremo, ed esempio, per l’eliminazione dell’Imu sui terreni – promette Zanon. “E poi la questione sicurezza, con inevitabili riferimenti al tema immigrazione”. Su questo, ha espresso il proprio punto di vista anche Giorgia Meloni. “Le operazioni fatte finora come Mare Nostrum e Triton si sono dimostrati inefficaci sia come deterrente per gli sbarchi sia per diminuire le vittime in mare. In Africa oggi ci sono 200 milioni di persone che vivono in luoghi teatro di guerre. O affrontiamo il problema insieme a tutta l’Europa, con l’equa distribuzione degli immigrati, oppure l’unica strada sarà chiudere le frontiere. Basta all’Europa degli egoismi, che ci turlupina 10 miliardi di euro ogni anno senza mai esserci utile quando ne abbiamo bisogno”. Una soluzione possibile, secondo la Meloni, è quella di condurre una missione in europea per aprire sulle coste libiche dei centri di verifica per le richieste di asilo politico e contemporaneamente rivedere gli accordi di Dublino che in sostanza obbligano un rifugiato a rimanere nel primo Paese di arrivo, senza poter circolare nel resto d’Europa. Sulla questione sicurezza, invece, la leader di FDI-Alleanza Nazionale critica la decisione di aver voluto depenalizzare i reati con sanzioni fino a 5 anni, e parallelamente,  introdurre il reato di tortura che prevede fino a 15 anni di carcere per un poliziotto che rivolga “minacce psichiche”. La Meloni chiude con una riflessione sull’obiettivo del proprio partito. “Non dobbiamo mai essere funzionali alla sinistra e a Renzi. In Veneto, infatti, noi siamo nella coalizione che appoggia Luca Zaia”. L’incontro si è concluso con il lancio di un’iniziativa che si terrà il 24 maggio sul Piave e che si chiama #Nonpassalostraniero. “Ci si ritroverà, sventolando il Tricolore, per ricordare la nostra storia e per affermare il desiderio di una patria sovrana, libera dagli imperi. Nella Prima Guerra Mondiale l’impero che si combatteva era quello Austro-Ungarico, oggi sono la Germania e le lobby europee che stanno facendo il bello e il cattivo tempo” – chiude Zanon.

Di seguito riportiamo la lista completa dei candidati:

  1. Raffaele Zanon, imprenditore
  2. Stefania BERTOLLO, avvocato e assessore Comune Villa del Conte
  3. Gianni CALLEGARO, vicesindaco Comune di Arquà Petrarca
  4. Gabriella CAPUZZO, imprenditrice agricola
  5. Enrico TORRETTA, pensionato già direttore provinciale delle Poste
  6. Livia DE POLI, imprenditrice
  7. Elvio TURLON, imprenditore alberghiero
  8. Edda FOGAROLLO, esperta in storia religiosa
  9. Gianfranco VEZZARO, agente di commercio

Lascia una Risposta

Vuoi ricevere gli aggiornamenti?