Catalogato | Speciali

Giorgia Meloni per Padova vicino all’economia reale

Giorgia Meloni per Padova vicino all’economia reale

tratt2Una legge speciale per il bacino termale euganeo. E’ questa la risposta che Fratelli d’Italia – Alleanza Nazionale intende dare alle difficoltà che il sistema delle terme di Abano e Montegrotto sta vivendo negli ultimi anni. Già nel 2006 Raffaele Zanon, allora consigliere a Palazzo Ferro Fini, oggi candidato per FDI-AN alle prossime elezioni regionali, aveva presentato una proposta di legge che tenesse conto delle specificità del comprensorio delle terme euganee. “E’ un tema su cui avevo lavorato già diverso tempo, ma la legge si era poi arenata in Consiglio – spiega Zanon durante l’incontro al Caffè City Bar di Abano. E continua: “Sono ancora convinto che sia necessaria una normativa che consideri le peculiarità di questo nostro bacino termale e del Parco regionale dei Colli Euganei, che fa da cornice naturalistica. Per questo motivo il Gruppo FDI-AN in Veneto, ma anche a livello nazionale, vuole prestare attenzione nei confronti di un comparto strategico per l’economia di questo territorio. Se il Veneto è la prima regione turistica d’Italia è anche grazie ad Abano e Montegrotto, che rappresentano la più grande stazione termale d’Europa” – chiude così il suo intervento Raffaele Zanon, lasciando la parola a Giorgia Meloni, che oggi è stata impegnata in un tour tutto padovano. “Stiamo cercando di arrivare in tutto il territorio, soprattutto dove ci sono le persone che producono ricchezza con il sudore della propria fronte. Il nostro obiettivo – afferma la leader nazionale di FDI-AN – è difendere l’economia reale, come quella che fanno gli albergatori. Il turismo è uno dei settori che va sostenuto, in maniera però diversificata a seconda delle specificità che esso ha. Per Abano e Montegrotto, la creazione di una società a capitale sia pubblico che privato, che coordini e faccia lavorare in sinergia imprenditori ed enti, potrebbe essere il modo per rilanciare le terme”.Dopo l’incontro con gli albergatori, Giorgia Meloni si è spostata a Monselice per un appuntamento con un nutrito gruppo di agricoltori. Il tema affrontato è stato quello dell’IMU agricola, una tassa che il partito della Meloni ritiene vessatoria nei confronti della categoria. Per questo FDI-AN ha promosso una raccolta firme per farla abolire. “Dobbiamo difendere le nostre eccellenze e tra queste c’è sicuramente l’agricoltura italiana” – dice la Meloni – vogliamo aiutare chi ci rende fieri di essere italiani. Se oggi abbiamo l’Expo sull’agroalimentare di qualità è perché dietro c’è un’agricoltura di qualità. La sinistra invece cosa fa per il settore? Propone di togliere le detrazioni sul gasolio agricolo e intanto fa “marchette” da miliardi di euro alle banche!”. La leader di FDI-AN conclude il suo discorso con una buona notizia per gli imprenditori agricoli. “In Aula – racconta- siamo riusciti a far accogliere una mozione presentata da Fratelli d’Italia che parla di superamento dell’IMU sui terreni agricoli. Vedremo se il Governo cercherà di aggirarla. Nella nostra proposta di legge – e chiude – i soldi si ridanno agli agricoltori e si tolgono alle società del gioco d’azzardo”.

 

Lascia una Risposta

Vuoi ricevere gli aggiornamenti?